| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Cardamine amara - Billeri amaro

Page history last edited by Dow Osage 5 years, 3 months ago

 

Famiglia 

Brassicaceae 

Genere 

Cardamine

Specie 

Cardamine amara L. 

 

 

 

 

  

 

 Nome comune

  • Billeri amaro (Italia) 

 

 Distribuzione 

  • Origine europea (tipo corologico Europeo-Asiatica occidentale), è spontanea in Italia settentrionale e assente nel resto del territorio tranne Toscana e Abruzzo. Cresce in pianura e in collina, e può raggiungere quote fino a 2500 m s.l.m. 

 

 Morfologia 

  • Specie erbacea perenne (forma biologica Geofita, Emicriptofita), con gemme sotterranee o a livello del suolo. Dimensioni variabili tra 15 e 60 cm. Rizoma obliquo con la presenza di stoloni orizzontali. Il fusto fiorale è eretto, glabro e cilindrico.  
  • Foglie basali (7-13 mm per 12-18) imparipennate, con la presenza di 5-7 segmenti lanceolati. Le foglie del fusto hanno dimensioni diverse (4-9 mm di larghezza per 10-18 di lunghezza), presentano anch'esse segmenti lanceolati in numero variabile da 7 a 9, in genere più stretti dei precedenti; la foglia terminale risulta essere più grande delle altre. 
  • I singoli fiori sono di colore bianco, talvolta con striature viola o rosa. Sono raggruppati in racemi di 10-20 elementi. I petali hanno una dimensione di 5 x 9 mm, mentre i sepali sono giallastri e più piccoli (2 x 4 mm). 
  • Hospedagem de sites from Weblocal Brazil.

 

 Ecologia 

  • Specie autoctona italiana, presente da 600 m a 2500 m s.l.m.. Si trova prevalentemente ai bordi di ruscelli, nei pressi di sorgenti, nei depositi di travertino, in zone soggette a caduta d'acqua e nelle vicinanze delle cascate. Predilige ambienti molto umidi, con una quantità media di nutrienti, pH neutro e substrato sia calcareo che siliceo. Resiste bene alle basse temperature, spingendo il suo areale fino a quote tipiche di praterie alpine. Può essere presente anche ai margini di ontaneti torbosi. 

 

 Fenologia 

  • Fioritura da aprile fino a luglio, che dipende soprattutto da latitudine e altitudine. 

 

 Gen
Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov

Dic

 

 Coltivazione 

  • Specie non coltivata. 

 

 Usi e Curiosità

  • [inserire informazioni su usi, applicazioni e curiosità relativi alla specie]

 

 Avvistamenti

  • [inserire i luoghi in cui sono presenti esemplari della specie]

 

 Tutela e Valorizzazione

  • [inserire enti ed istituzioni che "adottano" la specie]

 

 Links e Riferimenti Bibliografici

  • Konrad Lauber & Gerhart Wagner, 2007. Flora Helvetica (Flore illustrée de Suisse)

  • Aeschimann D.E. et al, 2004. Flora Alpina

  • Pignatti Sandro, 2003. Flora D'Italia

.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.