| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Finally, you can manage your Google Docs, uploads, and email attachments (plus Dropbox and Slack files) in one convenient place. Claim a free account, and in less than 2 minutes, Dokkio (from the makers of PBworks) can automatically organize your content for you.

View
 

prunus padus

Page history last edited by Dow Osage 5 years, 5 months ago

 

Famiglia 

Rosaceae

Genere 

Prunus

Specie 

padus

 

 

                  

 

  

 

 

 

 

 Nome comune

 E' comunemente chiamato pado o ciliegio a grappolo . Il nome " padus" deriva dal latino e significa fiume Po; infatti , questa pianta la lo si può trovare  anche sul versante alpino della pianura padano-veneta sponda sx del fiume.

- nome inglese: bird cherry

- nome americano: european bird cherry

- nome francese: merisier à grappes

- nome tedesco: gewohnliche traubenkirsche

 

 Distribuzione 

Il Prunus Padus è presente in tutta Europa dalla Scandinavia e alla Spagna  e alla Siberia occidentale. E' presente anche nell'Asia centro-settentrionale. In Italia è presente maggiormente al nord in particolare sulle Alpi dove può raggiungere il limite della vegetazione forestale, ma si ritrova anche, in Pianura Padana.

 

 Morfologia 

Il Prunus Padus "pado" è una pianta legnosa che può raggiungere un altezza di 15-16 metri a portamento arboreo ma, spesso,  lo si può trovare anche nel sottobosco con portamento arbustivo. L'apparato radicale è profondo e molto espanso, in grado di dare origine a molti polloni . Il fusto è dritto,  molto sottile, con corteccia abbastanza liscia di colore grigio scuro, che presenta molte piccole lenticelle chiare, caratteristica tipica dei ciliegi in genere. Il legno è particolarmente tenero , di colore bianco- verdastro con odore non molto gradevole simile all'odore di mandorle amare (tipico dell'acido cianidrico). La chioma non è molto espansa; Le foglie sono alterne, decidue, obovate con margine seghettato e apice acuminato. Sono prive di peli, quindi glabre , di colore verde intenso e molto morbide al tatto.  I fiori sono ermafroditi ( cioè presentano sullo stesso fiore sia l'apparato maschile sia quello femminile) , di colore bianco raggruppati in lunghi racemi a grappolo , leggermente profumati con molte foglie alla base. I frutti, drupe semplici, di colore nero- violaceo, lucide e di forma sferica ognuna delle quali contiene un nocciolo piccolo e ruvido. le drupe sono aspre.

 

 

 

                                         

 

 

 Ecologia 

La pianta prediligie  suoli poveri di calcio ma ricchi di materiale siliceo ed argilloso, freschi e ricchi di acqua ( come suoli alluvionali) ; preferisce terreni tendenti all'acido e con elevata presenza di sostanza organica. Il Prunus padus è una specie che tollera l'ombra e si adatta a un clima temperato- freddo.

 

 Fenologia 

L' antesi avviene da aprile a giugno e quando i fiori sbocciano emanano un profumo simile a quello della  mandorla.

 

 

 

                                                                

 

 

 

 

 

 Coltivazione 

 Durante i mesi invernali non ha bisogno di particolari accorgimenti in quanto sopporta senza problemi il freddo e le gelate anche molto intense. Il Prunus Padus è una pianta che viene inserita nei giardini privati e non in quanto , come già detto, sopporta benissimo il freddo, ma soprattutto perchè durante le fase di fioritura, che avviene subito dopo la stagione fredda, è particolarmente decorativa. La pianta messa a dimora viene concimata o al momento dell'impianto o dopo 2-3 anni da questo, in periodo autunnale o verso la fine dell'inverno  . Si interviene mescolando al terreno al piede  della pianta, una buona quantità di concime organico come stallatico o humus di lombrico. Con questa concimazione apportiamo una giusta quantità di nutrimento permettendo al padus giovane , un buon  sviluppo vegetativo, e si va a miglirare , anche, la struttura del terreno  di Weblocal hospedagem de sites.

 

 Usi e Curiosità

 Il pado è coltivato  per i pregi ornamentali della fioritura e dei frutti. Il legno appena tagliato emana un odore sgradevole ed è usato soprattutto come combustibile. La corteccia contiene pigmenti verdi dai quali si ricava un principio tintore verde. Nel medioevo l'infuso di corteccia era usato in medicina per far passare il mal di stomaco e si riteneva avesse proprietà di prevenzione contro la peste. I frutti hanno proprietà antispasmodica e astringente. I semi e le foglie contengono una quantità elevata di acido cianidrico un veleno che da loro un sapore caratteristico di mandorla.

 

 

                            

 

 

 Avvistamenti

In Italia il pado è presente in alcuni parchi fluviali padani come i parchi del Sesia, del Ticino, dell'Oglio e del Mincio , dove lo si può incontrare anche come esemplare monumentale. In Europa centrale è utilizzato come ornamento in parchi e alberature stradali.

 

 Tutela e Valorizzazione

Riserva Regionale Naturale Orientata Monticchie; Ente gestore Comune di Somaglia (Lo)

 

 Links e Riferimenti Bibliografici

 http://it.wikipedia.org/wiki/Prunus_padus

http://www.migratoria.it/forum/piante-natura/ciliegio-grappolo-prunus-padus-t10938.html

http://www.topgiardinaggio.it/piante/prunus-padus.asp

immagini da internet

 

.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.