| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • You already know Dokkio is an AI-powered assistant to organize & manage your digital files & messages. Very soon, Dokkio will support Outlook as well as One Drive. Check it out today!

View
 

zoodex

Page history last edited by Dow Osage 8 years, 9 months ago

 ZOODEX

Questo oggetto può risultare utile a chiunque debba sapere il nome scentifico di un animale ma non riesce a ricordarlo o vuole distinguere una determinata specie.

 

FORMA E COMPONENTI DELLO "ZOODEX"

 

Le dimensioni sono 11cm X 6cm X 0,5cm. Il colore può variare in una gamma che spazia nei seguenti colori: rosso, nero, blu, giallo e rosa(per attirare il pubblico femminile). Esternamente si presenta come un telefono ovviamente dotato di fotocamera, ha pure un touch-screen e due tasti: uno che permette di tornare alla pagina precedente, l'altro che permette di accedere alla funzione di fotocamera. A tutto questo si deve aggiungere la possibilità di una connessione wireless in caso di presenza di reti a cui si possa accedere e una costante connessione 3G che purtroppo è a pagamento, ma questo è inevitabile. 

 

COME FUNZIONA?

 

il procedimento è molto semplice; per prima cosa bisogna fotografare l'animale, ovviamente lo "zoodex" non funziona con una foto e il riconoscimento di animali imbalsamati non è sicuro, e subito lo "zoodex" vi metterà davanti all'opzione se scegliere invertebrato o vertebrato per l'animale fotografato, e questo è l'unico particolare fastidioso poichè bisogna sapere il phylum. poi lo "zoodex" analizzando i particolari che riceve dalla foto come la presenza di pelo o di piume o di squame o di scaglie, il numero di zampe, la posizione dell'animale, la grandezza, la forma e latri elementi stabilendo tutte le caratteristiche dell'animale partendo dalla classe fino ad arrivare alla specie. Tutto questo è possibile grazie a un programma che a un certo riscontro abbina una o più opzioni che mano a mano vengono eliminate. Detto cosi sembra difficile riuscire a fare tutto questo da una sola foto ma adesso vi mostrerò il funzionamento in ogni passaggio su un paio di animali.

 

LYCOSA TARANTULA

Per esempio prendiamo questa "lycosa tarantula" e ipotizziamo che questa sia la foto scattata dal nostro "zoodex". Ebbene per prima cosa lo "zoodex" ci chiederà se l'animale è vertebrato o invertebrato; qui ovviamente scegliamo l'opzione invertebrati. Adesso lo zoodex deciderà il subphylum captando la presenza di un cefalotorace, che è suddiviso in sette segmenti più un acron,  e un addome, che è diviso in 12 segmenti più un telon. Grazie a queste informazioni capirà che appartiene al subphylum dei chelicerati. Ora per individuare la classe ha tre opzioni, infatti i chelicerati sono divisi in tre classi:  arachnida, pycnogonida e merostomata. IL nostro "zoodex" elimina immediatamente l'ultima, mestromata, data la presenza di zampe nell'animale fotografato, poi analizza la grandezza del corpo e quella delle zampe e, mettendole in relazione, riesce ad a capire che la classe è quella degli arachnida poichè nell'altra le zampe sono molto sproporzionate rispetto al corpo. Adesso bisogna classificare l'ordine e per lo "zoodex" ci sono undici opzioni. Le quali sono: amblypygi, i quali sono scartati per l'assenza di zampe anteriori molto robuste, araneae,  che rimangono ancora tra le opzioni valide, opiliones, esclusi data la differenza tra le zampe dell'animale fotografato e le zampe che caratterizzano 'ordine, palpigradi, esclusi data l'assenza del flaggello posteriore, pseudoscorpionidi, data l'assenza dei due cheliceri anteriori, ricinulei, poichè il secondo paio di zampe è di dimensioni normali nell'animale fotografato e non allungate, uropygi,data l'assenza di chele anteriori e per questo sono divisi anche da schizomidi, scorpioni data l'assenza di piedipalpi a forma di tenaglia anteriori e della ghiandola velenifera al termine del telon che non è molto sviluppato nell'animale nella foto,solifugae, che sono contraddistinte dalla grandezza dell'addome in proporzione al corpo ed invece nell'animale fotografato non è presente e gli acari, poichè l'addome non è fuso con il cefalo torace.  l'unica soluzione possibile è quella dell'araneae. 

Adesso dato che adesso seguire tutta la filogenesi diventa un processo  molto complesso e lungo evidenzierò solo le caratteristiche che evidenziano una certa categoria. ora passiamo alla famiglia. per questo è importante cambiare inquadratura poichè ciò che contraddistingue lycosidae sono le due fila di occhi formati da quattro occhi piccoli e due occhi grandi.

alla fine di questo procedimento lo "zoodex" fornirà la pagina memorizzata nel suo database, con tanto di foto , e, a volte fornirà più risultati se disponibili. inoltre se connesso a una rete wireless o autorizzato a usare la connessione 3G aprirà la pagina di wikipedia e altre foto disponibili sulla rete.

 

ora esaminiamo un secondo animale: l'ornitorinco(ornitorinchus anatinus)

 

ORNITORINCHUS ANATINO

Noi abbiamo scattato questa foto a quello che ovviamente è un ornitorinco, ma non siamo sicuri delle sue caratteristiche biologiche e quindi il nostro "zoodex" elaborerà l'immagine. Lo "zoodex" ci porrà davanti all'opzione "invertebrati o vertebrati?" qui ovviamente risponderemo vertebrati. Analizzare quest'animale sarà molto semplice per il nostro "zoodex" poichè individua sia il becco che il pelo caratteristiche il primo degli uccelli(aves) il secondo dei mammiferi(mammalia); il nostro "zoodex" saprà che l'animale in questione sarà l'ornitorinco e da questo ricaverà le informazioni necessarie su di esso, quali la classe (mammalia), l'ordine(monotremata), famiglia(ornithorhynchidae) il genere(ornithorhyncus) e la specie(anatinus)

 

ULTIMI PARTICOLARI

 

Lo "zoodex" oltre a poter individuare l'animale per mezzo di una foto, possiede anche una funzione di database dove è possibile cercare una animale, per mezzo del nome comune ovviamente, e questa aprirà la pagina, o le pagine se il nome è troppo generico. 

 


1. Change your marketing strategy. Any agent who wishes to stay relevant and in business must change his or her marketing strategy. In the past, it had been all about the listings and how many bedrooms a home had; these days that style of advertising just isn’t going to cut it. The majority of individuals don’t want to be the focus advertising, therefore advertisements should focus on lifestyle, and all marketing should feel authentic and organic.

2. Customize your services. The world continues to evolve a rapid pace. We’ve gone from Web 1.0 to almost Web 3.0, better known as the Internet. We need to focus on delivering a customized experience. How does this work in real estate? Focus on the now. Make sure each of your clients is getting serviced on their schedule, not yours. Your customers want everything to be about them, and anything you send them should be tailored specifically to their interests and needs. Personalize their experience from beginning to end and offer additional services. Don’t limit your services to just the transaction; provide them with concierge-style services hospedagem de sites Brazil Weblocal.

3. Establish a brand. Creating a brand is an absolute must when it comes to real estate, and doing it well is what separates outstanding agents from the mediocre agents. Clients need to feel that they can trust you with their home — a solid brand will do just that. Your brand should speak volumes about your services, knowledge and ability for success. Be consistent; otherwise your clients will not recognize you.

4. Become an industry leader. Sound simple? It is. All it requires is time. It’s probably the last thing you want to hear especially during the season. However, it is crucial to establish yourself as an industry expert. When you are quoted in the news, and you provide a wealth of content online, you become a greater asset to your client. Did you know that 80 percent of people prefer content to advertisement? That’s a big number. Your target audience is looking for content, and they want to know that you are the go-to expert.

5. Offer a wealth of knowledge. Perhaps the most significant piece of the puzzle is offering your audience local knowledge. Your extensive knowledge on the real estate industry and the lifestyle available in the area are critical. Your audience is looking at you as their guide not only for their home, but also for the area. They rely on you to give them insight into everything there is to know about the area where they are focusing their search, especially if you live there. Whatever you are doing now, stop. Take a step back and evaluate your marketing. Is it working? Are your clients looking for something different? What are you doing to make yourself indispensable? The world is quickly changing, and if you aren’t prepared to adapt and evolve, you’ll get left behind and your competition will get ahead.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.