| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Come i cani ci hanno cambiato la vita

Page history last edited by Silvia 7 years, 4 months ago

  

“Uno crede di portare fuori il cane a fare pipì mezzogiorno e sera. Grave errore: sono i cani che ci invitano due volte al giorno alla meditazione.” –Daniel Pennac, La fava carabina-

  

  

Famiglia 

Canidi

Genere 

Canis

Specie 

Canis Lupus Familiaris

 

 

 

 

  

Nome Comune: Cane

Nome Scientifico: Canis Lupus Familiaris

Famiglia: Canidi

Ordine: Carnivori     

Classe: Mammiferi

 

 

 

 

 Distribuzione  e habitat

 

Il cane è distribuito in tutto il mondo e probabilmente non si può più parlare di uno specifico habitat; il cane possiede una straordinaria capacità di adattamento che gli ha permesso, ad esempio, di adeguarsi ad una dieta svariata Come ben sappiamo, già nel 1859 Darwin ne parlava ampiamente ne "L'Origine delle Specie", tutte le razze che conosciamo oggi non sono altro che il risultato di una progressiva selezione artificiale da parte dell'uomo. Incrociando quei fenotipi che riteneva più adatti ai suoi scopi è riuscito, ovviamente anche in parte inconsciamente, a produrre tutte quelle forme che oggi sono cosi familiari ai nostri occhi. Al presente ogni progenie del cane è poco adatta a vivere al di fuori di un ambiente protetto come quello della nostra casa.

 

 Morfologia  e anatomia

Pur nell'estrema variabilità dovuta al grande numero di razze, i cani sono accomunati dall'essere fondamentalmente dei carnivori predatori, resistenti, veloci nella corsa, con una poderosa dentatura atta a dilaniare la preda e facoltà sensoriali molto sviluppate, soprattutto l'olfatto, l'udito e le percezioni visive di oggetti in movimento. 

  • LA VISTA:   è meno precisa di quella dell'uomo nella percezione dei dettagli. E' stato dimostrato che se due persone restano immobili a 200, 300 m non riesce a riconoscere l'una dall'altra. In compenso il suo campo visivo è molto ampio specie per il cani a muso lungo che hanno gli ochhi piuttosto distanziati. Decisamente buona è la visione notturna. Probabilmente il cane vede come un daltonico, ossia ad una persona a cui manca la percezione della differenza tra il verde e il rosso.
    Di conseguenza il mondo dei cani consiste dei colori giallo, blu e grigio. Quando un umano vede un oggetto rosso al cane appare come giallo, mentre un oggetto verde appare bianco o a sfumature di grigio.

  • LE ORECCHIE: l'udito è molto potente, riesce a sentire suoni a distanza quadrupla rispetto all'uomo ed è capace di percepire gli ultrasuoni (vibrazioni sonore ad alta frequenza).

  • IL MANTELLO: in genere (tranne rare eccezioni, è composto di pelo e sottopelo. Il pelo è quello esterno di copertura,impermeabile, il primo che si sente al tatto. Può essere corto, semilungo o lungo, liscio oppure ruvido. Il sottopelo è quello interno, soffice lanoso, corto e serve per proteggere il cane dal freddo; aumenta nei mesi invernali e cade durante l'estate. Un secondo cambiamento del sottopelo (la cosiddetta muta) si verifica anche in autunno anche se in maniera più graduale.

  • L'OLFATTO: il mondo del cane si basa principalmente sugli odori. Gli odori indicano al cane chi è passato e, se il cane è maschio, gli permette di marchiare il territorio, urinando su un pezzo di terreno dove magari un cane ha fatto lo stesso prima di lui. I cani si identificano attraverso il loro odore. Questo viene prodotto da delle ghiadole vicino all'ano che danno odore all'urina. Per fare un esempio: Avete mai pensato del reale motivo per il quale i vostri cani non vogliono entrare dal veterinario? Probabilmente penserete perchè i vostri animali associano il veterinario alla puntura di cui hanno cosi paura, ma non è cosi: le ghiandole perianali, rilasciano un odore che funge da avvertiento. Infatti l'ambulatorio è come se fosse tappezzato da volantini con su scritto "Sono stato qui e ho avuto paura".                                                                                                           

 

 

  • LA DENTATURA: il cane possiede 28 denti da latte che rimarranno con lui nei primi 3-6 mesi di vita e successivamente avrà 42 denti permanenti.   

 

 

 

 

 

  • I CUSCINETTI PLANTARI: I cuscinetti plantari sono una zona molto sensibile del corpo dei nostri amici: le alterazioni di questa delicata struttura, sia d’estate che d’inverno, causano all’animale problemi  gravi di deambulazione. Una delle cause più banali è il logorio eccessivo causato dal movimento e dall’esercizio prolungato del nostro amico a quattro zampe su terreni non proprio idonei (asfalti arroventati d’estate e terreni ghiacciati d’inverno). In questa situazione lo strato corneo del cuscinetto risulterà decisamente assottigliato, mettendo così a contatto del terreno tessuti più sensibili. Residui di benzina sull’asfalto e le polveri sottili abbondantemente presenti su strade e marciapiedi contribuiscono ad irritare i polpastrelli dei cani. Ma i problemi possono essere anche altri, come una dieta particolare e squilibrata può indebolire lo strato corneo di cui sono fatti i cuscinetti plantari; oppure l’età avanzata, dove dopo tante corse, dopo km e km percorsi per gioia e per amore, anche la struttura portante dei cuscinetti comincia ad essere parzialmente compromessa; e poi c’è il caldo torrido delle nostre estati, che rende gli asfalti delle nostre strade dei percorsi sui carboni ardenti! Ma anche il freddo breve ma intenso dei nostri inverni, che costringe i nostri amici a quattro zampe, a fare i conti con terreni ghiacciati e pericolosi per le morbide estremità dei loro arti o con il sale antighiaccio sparso per terra.

 

 

 

 

 

  • L'APPARATE SCHELETRICO:  Esistono due tipilogie di ossa presenti nel cane, le ossa lunghe (ad esempio quelle degli arti) e le ossa piatte (il cranio etc.).

    Sostanzialmente, l'architettura del cane è rimasta invariata lungo il corso dei secoli, ma l'uomo durante questo percorso ne ha modificato le caratteristiche estetiche creando incroci di vari tipi.

    Le prime ossa a svilupparsi nel cane sono quelle lunghe, che nel feto sono presenti sotto forma di materia cartillaginea, poi sostituite da quelle vere nelle ultime tre settimane di gestazione.Le parti delle ossa non integranti l'articolazione, sono ricoperte da un periostio fibroso. Questo elemento permette all'ossatura di svilupparsi durante la crescita del cane, per poi essere rimaneggiata e diventare inattiva quando il cane avrà circa 10 mesi. 

 

1 Vertebre Coccigee 2 Sacro 3 Vertebre Lombali 4 Vertebre Toraciche 5 Vertebre Cervicali 6 Cranio 7 Scapola 8 Spalla 9 Omero 10 Gomito 11 Radio 12 Carpo 13 Metacarpali 14 Ulna 15 Costole 16 Osso del Pene 17 Metatarsali 18 Tarso 19 Fibula 20 Tibia 21 Ginocchio 22 Bacino

 

  • APPARATO MUSCOLARE:  il sistema muscolare nel suo complesso è formato da due grandi gruppi muscolari. Il primo, quello superficiale, è collocato appena sotto la pelle, si chiama pellicciaio e ha il compito di far muovere la cute. Il secondo è quello più profondo, è collocato sotto la superficie, ed è la parte muscolare più importante perchè presiede all'incarico di far muovere il sistema scheletrico. Il movimento nei cani si realizza attraverso la forza sviluppata  dai muscoli. Il cervello manda un segnale affinchè un fascio di fibre si contragga. Le fibre, contraendosi, tirano un tendine che a sua volta tira un osso che mette in moto una zampa ecc..

 

  

 

 

 
 

o

 

 

 

  

 

 Biologia

Per quanto riguarda la riproduzione, si può dire che sia regolata, come ogni specie, da un ritmo stagionale.

Per il maschio la prima pubertà si presenta tra i primi 8-12 mesi di vita, mentre per la femmina si presenta il calore tra i 6-12 mesi. Successivamente andrà in calore due volte all'anno, precisamente in tardo inverno\primavera e in estate\autunno. 

Il calore durerà circa 3 settimane e il periodo di massima attività degli ormoni sessuali, tra il 9° e il 12° giorno, corrisponderà all'ovulazione dell'altro sesso.

Una volta avvenuto l'accoppiamento, la gravidanza ha una media durata di 63-65 giorni.

Nei giorni prima del parto si noterà un comportamento inusuale da parte della cagna: potrebbe scavare nella propria cuccia o fare addirittura una tana in giardino. Questo comportamento avviene perchè la cagna comincia a preparare un giaciglio dove poter accogliere i piccoli cuccioli.

Il parto, se il cane è di taglia grande e avrà in grembo 11-12 cuccioli, potrebbe durare fino a 12 ore.

Una volta che il parto è stato concluso, la madre recide con i denti il cordone ombelicale del cucciolo e lo lecca per pulirlo dal liquido amniotico per facilitargli la respirazione.

L'allattamento terrà la madre impegnata per le prime due settimane. Tra i 12 e i 15 giorni di vita, i cuccioli incominceranno ad aprire gli occhi e a sorreggersi sulle proprie zampe, ma dovranno trascorrere 60 giorni dalla nascita prima di poterli allontanare dalla madre.

Per quanto riguarda il carattere, ogni cane ha il suo. Molti associano i cani di razza grande o di razza tipo pit bull a esseri pericolosi. Io non la penso cosi.                                                                                                                                                       In primo luogo, secondo me non esistono razze pericolose, ma razze che tendono ad essere pericolose. Se un cane viene allevato con dolcezza fin da cucciolo, sarà impossibile che si rivolti al padrone o se succede, a volte non è colpa loro. Dobbiamo ricordarci che loro non possono parlare: noi quando ci arrabbiamo a volte esprimiamo parole poco gradevoli e a volte si arriva anche alle botte. Con loro è più o meno la stessa cosa, solo che hanno la colpa di avere una forza capace ad ucciderci. Comunque però sono d'accordo col fatto che ci siano delle razze che è meglio non prendere se si ha un bambino in casa e se non si posso seguire con un dovuto addestramento, perchè i cani sono sempre animali cioè vivono utilizzando l'istinto.                                                                                                                                                                                      

 

 

 Come ci ha cambiato la vita

 

Il cane da sempre accompagna la vita dell'uomo. Infatti, la prima traccia certa di un animale domestico è quella del cane e i resti sono stati ritrovati in Iraq 12000-14000 anni fa. Fin dalla preistoria, l'uomo faceva infatti affidamento sul cane per rifornirsi di cibo.

Al giorno d'oggi questi animali aiutano gli uomini in svariate attività. Ad esempio, accompagnano le persone cieche e diventano i loro compagni di vita; aiutano persone affette da diverse forme di handicap; grazie al loro olfatto particolarmente sviluppato, sono indispensabili per le ricerche di persone disperse. Infine, in molte situazioni, aiutano le persone malate ad ottenere un po' di serenità.

Ma anche senza prendere in considerazione questi servizi così particolari, un cane, più semplicemente, è un compagno di vita, che si affeziona al suo padrone, è sempre disponibile e gli è vicino in qualunque circostanza.

Per questo, è insopportabile pensare che i cani possano essere oggetto di maltrattamenti di qualunque genere, o che addirittura vengano abbandonati semplicemente perché non si sa come gestirli quando la famiglia va in ferie.

I cani desiderano solo una persona al loro fianco, che ripaghi il loro amore e la loro fedeltà. In questo senso,  si potrebbe dire che i cani cambiano la vita delle persone nel senso che insegnano loro ad amare e a rapportarsi con gli altri in modo positivo. 

 

 

 Avvistamenti

I cani si trovano ovunque sia l' essere umano 

 

[IMPORTANTE: Inserire il link ad ogni pagina creata nella pagina introduttiva Biodiversizoo]


Biodiversizoo

Torna alla homepage Biodiversipedia

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.